Come si usa il seghetto alternativo

Il seghetto alternativo, usarlo è semplice ma…

Usarlo sembra alquanto semplice, eppure per riuscire al meglio bisogna seguire delle semplici regole che vanno assolutamente prese in considerazione. Qualcuno darà per scontato alcuni dei nostri suggerimenti, per altri invece ogni passaggio da noi consigliato sarà una vera manna dal cielo; per tutti però è certo che spendere 5 minuti per leggere quanto segue sarà vantaggioso nell’uso del “seghetto alternativo”.

Un occhio al motore

Iniziamo dalle basi: il seghetto alternativo funziona attraverso un motore elettrico (la potenza in Watt indica la forza del motore) che muove una lama prima in un senso e poi in quello opposto, una maggiore potenza del motore facilità il taglio. Attenzione ai seghetti alternativi con lama orientabile, questi modelli facilitano l’esecuzione di tagli sagomati.

La giusta attrezzatura

La prima cosa da fare prima d’incominciare è equipaggiarsi dei giusti attrezzi e indumenti per la nostra incolumità. Senza allarmismi, diciamo questo solo perchè crediamo sia giusto prevenire e non rischiare che una disattenzione possa farci del male. Allora segnate nella lista: scarpe antinfortunistica, guanti e occhiali. Oltre a questo è assolutamente indispensabile avere un kit di lame adeguato, una guida parallela e dei morsetti. Con questi dovete fissare bene il pezzo da tagliare, perchè con le vibrazioni prodotte dal seghetto alternativo potreste compromettere il taglio.

La guida parallela

Ora siete pronti. Naturalmente accertatevi che lungo la linea di taglio non ci siano ostacoli, posizionate quindi il pezzo distanziandolo dal piano di lavoro. Nel caso in cui il taglio sarà diritto e parallelo a un bordo bisogna utilizzare la guida parallela. Questa va montata alla suola del seghetto e dopo averla regolata si mantiene appoggiata al bordo, in questo modo avrete il vostro taglio in linea retta.

Il taglio circolare

Per quanto riguarda i tagli circolari invece, si può utilizzare una squadra a “L” la cui barra corta verra’ fissata alla suola del seghetto alternativo con viti a farfalla. La barra lunga invece contiene molti fori in senso longitudinale a diverse distanze, in questo modo si possono effettuare molti tagli con differenti raggi. Basta fissare una vite come perno nel punto individuato come centro del cerchio ed il gioco è fatto, avremmo il nostro taglio circolare. Un consiglio: se il pezzo da tagliare deve risultare ben rifinito sarebbe opportuno appoggiarlo su un altro foglio di legno (o metallo) dello spessore di qualche millimetro (anche 5-10 mm) e poi procedere al taglio dei due pezzi insieme. In questo modo il pezzo che ci interessa non presenterà possibili slabbrature.


Date una occhiata al video: è in inglese, ma si capisce abbastanza bene…

Per i più esperti

Alcuni usano la tecnica del contrario (noi la chiamiamo così), ovvero mettere a testa in giù il seghetto e creare un foro sulla tavola da dove esce la lama. Il taglio si effettua modellando il pezzo da tagliare sulla lama eretta in verticale, è un buon metodo ma alquanto pericoloso se non siete degli esperti.

Il dado è tratto!

Un consiglio è quello di segnare a matita il tratto che volete tagliare. Ma la cosa più importante durante la vostra operazione di taglio è regolare la velocità e la lama in base al tipo di materiale e al suo spessore, non tutti i modelli però hanno velocità regolabili. In questo caso è importante non spingere sull’attrezzo in avanti con troppa forza perchè c’e’ il rischio di rompere la lama e affaticare il motorino elettrico.


La guida Bosch PLS 300: ottima per tagliare con il seghetto alternativo…

Ricapitoliamo…

Abbiamo visto dunque quali accorgimenti adottare prima e durante il taglio. A questo punto non ci rimane che augurarvi buon lavoro e di non avere fretta nel divenire falegnami di professione. Per quanto semplice sia, l’utilizzo del seghetto alternativo implica una certa pratica che si acquisisce solo col tempo. Qui sotto potete rivedere in maniera evidenziata quanto detto in poche parole essenziali.

Cosa bisogna avere per la sicurezza:

  • scarpe antinfortunistica
  • guanti
  • occhiali

Cosa bisogna avere per un buon lavoro:

  • kit di lame adeguato
  • una guida parallela
  • morsetti

Da non dimenticare:

  • Fissare il pezzo con i morsetti
  • Marcare il taglio con un colore o a matita
  • utilizzare una squadra a “L” per i tagli circolari

6 commenti su “Come si usa il seghetto alternativo

    1. Ciao Mauro,

      Noi non ci occupiamo di vendite, l’unico consiglio che possiamo darti è quello di chiamare o guardare il sito della casa madre.

      Il Team di Seghettoalternativo.it

  1. Il seghetto che ho acquistato effettua unh taglio sghembo rispetto alla linea laser che seguo nel taglio. Come posso regolarlo?

    1. Ciao Gennaro,

      per motivi burocratici preferiamo non dare feedback in merito, possiamo consigliarti di contattare direttamente la casa di produzione, oppure attendere che qualcuno ti risponda nel forum.

      Ciao,

      Il Team di Seghettoalternativo.it

  2. buon giorno, ho un seghetto alternativo mod. Stanley fat max, vorrei sapere se le stazioni di taglio che si trovano in commercio sono tutte uguali e quindi se vanno bene anche nel mio caso. grazie

    1. Ciao antonio,

      purtroppo non rispondiamo a domande concernenti manutenzione, assistenza tecnica o di uso del prodotto successivo all’acquisto.

      Pubblichiamo comunque la tua domanda, nel caso qualche altro utente abbia avuto un caso simile al tuo e possa aiutarti.

      Ciao,

      Il Team di Seghettoalternativo.it

Lascia un commento

Hai bisogno di un consiglio?*
Scrivi qui sotto, risponderemo il prima possibile!

*Il nostro sito offre un servizio informativo sugli acquisti: non risponderemo quindi a domande inerenti a problemi di assistenza tecnica o manutenzione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *